English version  

 

 

CONCESSIONE SPAZI 

 

La Galleria d’Arte Moderna fa capo alla Direzione Centrale Cultura del Comune di Milano.

 

La Galleria d’Arte Moderna NON prevede concessioni d'uso dei suoi locali per attività private. Richieste del tipo: possibilità di organizzare convention, matrimoni, corporate event NON riceveranno replica.

Gli spazi della Galleria d’Arte Moderna non sonospazi a reddito”. I locali della Galleria d’Arte Moderna vengono utilizzati solo per attività di carattere istituzionale, rientranti nella programmazione culturale della Galleria stessa e del Comune di Milano. Gli spazi possono essere eccezionalmente concessi solo a fronte di sponsorizzazioni economiche o tecniche, per le quali è necessario visionare gli appositi bandi sul sito del Comune di Milano (Servizi on line, bandi e pubblicazioni urbanistiche, bandi aperti, avvisi, dettaglio iniziative).

 

Per l'utilizzo della Sala da Ballo o della Sala del Parnaso per conferenze, presentazioni libri, convegni è possibile contattare la Direzione per proporre il proprio progetto. Se verrà valutato d'interesse e attinente alle tematiche e alle attività del Museo si potrà concordare una data per l'eventuale sopralluogo e per l'evento. La richiesta potrà essere effettuata compilando l’apposito modulo allegato (modulo richiesta utilizzo spazi) e inviandolo  all'indirizzo e-mail c.gamcomune.milanoit
Si precisa, a tal proposito, che la Sala da Ballo ha una capienza massima di 80 posti a sedere e la Sala del Parnaso una capienza massima di 40 posti a sedere.

 

La Galleria d’Arte Moderna non può essere utilizzata come location per pubblicità.
E' possibile realizzare shooting fotografici e riprese video e cinematografiche solo qualora il museo risulti parte integrante di un progetto che ne evidenzi il ruolo culturale. Per tale tipo di utilizzo dello spazio (che deve comunque essere compatibile con la vita del museo e gli orari di apertura) si richiede la redazione e l'approvazione di un progetto che evidenzi il ruolo del museo nelle riprese.